In offerta!

“POGGIO ALLE GAZZE” 2015 – TENUTA DELL’ORNELLAIA

da Pane Amore e Fantasia Firenze

69,99 59,99

“POGGIO ALLE GAZZE” 2014 – TENUTA DELL’ORNELLAIA

Il Poggio alle Gazze è la sfida in “bianco” di Tenuta dell’Ornellaia, proveniente da uve sauvignon blanc in prevalenza. Fermentato in parte in acciaio, in parte in barrique e in parte in cemento. Maturazione prolungata sulle fecce, per 6 mesi, e affinamento di 12 mesi in bottiglia. Un bianco di razza, struttura e carattere, come solo una cantina immortale come Ornellaia poteva realizzare.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Al calice, giallo paglierino luminoso. Naso espressivo di fiori bianchi, frutta esotica, agrumi delicati e spezie dolci. Bocca energica, fresca e corposa. Un bel profilo aromatico di delinea su una decisa e piacevole trama sapida, che rende il sorso infinitamente godibile. Chiusura persistente su note di frutta gialla.

ABBINAMENTI

Il Toscana Bianco IGT “Poggio alle Gazze” di Tenuta dell’Ornellaia è un bianco molto versatile a tavola. Si abbina perfettamente a piatti a base di verdure o di pesce. Ottimo anche con carni bianche. Da provare su delle uova al tegamino con asparagi.

12 disponibili

COD: G14M Categoria:

Descrizione

Poggio alle Gazze Tenuta dell’Ornellaia 2014
ORNELLAIA
Il Poggio alle Gazze è un vino bianco toscano ricco e strutturato, a base di Sauvignon e altre uve bianche, vinificato e affinato per 6 mesi in barrique nuove e usate, contenitori di acciaio e cemento. Emana profumi di agrumi e frutta esotica. Il sorso è morbido e avvolgente, elegante ed espressivo

CANTINA

Fu nel 1981 che il marchese Lodovico Antinori, cugino di Piero Antinori, fondò la Tenuta Ornellaia, nel cuore dell’areale di Bolgheri, a pochi chilometri dalla costa mediterranea.
Con la prima vendemmia del 1985 nacque così quello che diventerà un’icona tra i SuperTuscan: l’“Ornellaia”, messo in commercio tre anni dopo, nel 1988. Con l’inaugurazione dell’azienda, l’enologo di fama mondiale, Michel Rolland, inizia a occuparsi della parte tecnica di cantina. Successivamente, negli anni ‘90 nascono le altre due etichette: “Le Volte” e “Le Serre Nuove”.
Agli inizi del 2000, Robert Mondavi, il grande produttore californiano, acquisisce la Tenuta, cedendone poi il 50% alla Marchesi de’ Frescobaldi, che acquisterà l’altro 50% solo tre anni più tardi. La fine degli anni 2000 vede anche la nascita dell’etichetta “Poggio alle Gazze”, che sarà seguito dal selezionatissimo vino da vendemmia tardiva “Ornus”, ottenuto da uve di petit manseng lavorate in purezza.
Una cantina mitica, quindi, alla quale va il merito di aver scritto la storia di Bolgheri. Con quasi cento ettari vitati, ai quali se ne aggiungono altri tredici in affitto, alla Tenuta Ornellaia ci si focalizza da sempre su un solo e unico obiettivo: la qualità. Tutte le decisioni, tutte le scelte, tengono conto di ogni minimo e più piccolo dettaglio, e dalla vigna all’imbottigliamento finale, non sono ammesse scorciatoie. Durante la vendemmia, vengono selezionati e raccolti solamente i grappoli più pregiati ed equilibrati, successivamente in cantina lavorati in maniera separata, in base al cru di provenienza. Poi un anno di riposo in botte, e a seguire la composizione del blend: tutto è volto a esaltare ogni più piccola sfumatura del terroir, e a valorizzare l’espressione di ogni singola annata, sempre nel rispetto della continuità di quello che può essere considerato lo “stile Ornellaia”, sinonimo di esperienza, competenza e determinazione, che al calice si traducono in complessità ed eleganza difficilmente eguagliabili.

Informazioni aggiuntive

Peso 2 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo ““POGGIO ALLE GAZZE” 2015 – TENUTA DELL’ORNELLAIA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pane Amore e Fantasia Firenze

La passione è un sentimento impetuoso, basato sui piaceri procurati dai sensi umani e che può impedire il controllo della ragione. La causa scatenante è una forte attrazione che la persona prova verso un soggetto esterno. Caratterizzata da un desiderio ardente per qualcuno, con la complicità di una forza che investe in modo violento e indiscriminato, la passione è interpretata come amore violento e sensuale.